Biografia
- -

   
 
Mirta De Simoni è nata a Cles, vive e lavora a Volano (TN). Dal 1975 al 1980 approfondisce lo studio delle tecniche pittoriche sotto la guida del maestro Gianni Turella. Con borsa di studio della PAT soggiorna ad artist residence alla Kunstlerhaus e in seguito frequenta il corso all’Accademia Internazionale di Salisburgo, ha come docenti gli artisti cinesi Zhou Brothers. E’ Accademico di Merito dell’Accademia de “ i 500 “ di Roma. L’ interesse per le avanguardie storiche espressioniste studiate e approfondite nei suoi frequenti viaggi studio nei grandi musei europei e mondiali, determina l’ orientamento delle sue ricerche verso una spazialità astratta risolta con personalissime tecniche pittoriche. Espone numerose e importanti mostre personali e collettive in Italia, Europa, a New York , Grenville, Philadelphia, Singapore, Shariah. 1993 - presenta la sua ricerca alla Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento, al Seminario “Prospettive e sperimentazione dell’Arte contemporanea in Trentino” a cura di Danilo Eccher. 1995 – è presente a Castel Ivano alle collettive “L’Uomo, l’Albero, Il Fiume” e “Correnti e Arcipelaghi” a cura di Luigi Serravalli. 1996 – a Castel Ivano partecipa ad Arte-Ambiente a cura della PAT, presenta l’installazione “ La soglia e oltre “. L’invito a Venezia al simposio “100 anni di biennale e di cinema - la presenza della Chiesa“ a cura della CEI, segna l’inizio di una riflessione teorica e di una sperimentazione operativa, per un rinnovamento dell’arte liturgica in chiave del tutto contemporanea e innovativa. 1999 - partecipa al corso di specializzazione “Il progetto architettonico e la composizione artistica ed iconografica al servizio della Liturgia“ curato dall’ Ufficio Arte Sacra della Curia Arcivescovile di Trento in collaborazione con CEI, IUAV di Venezia e Accademia di Brera. 2000 - l’Amministrazione Comunale di Volano pubblica una sua monografia e promuove la mostra antologica “Percorso” allestita nelle sale dell’antica Casa Legat e documentata da RAI 3 a cura di Tiziana Raffaelli. 2003 - è presente alla collettiva “Situazioni Trentino Arte 2003”, al Mart, Museo d’arte moderna e contemporanea di Rovereto. 2004 - invitata dalla Städtische Galerie di Brema presenta la personale “Wandlungen/Mutamenti” presso il Kunstzentrum Villa Ichon, mostra in seguito riproposta nello Spazio Klien di Borgo Valsugana con patrocinio del Mart. 2008 - invitata dal Comune di Sanzeno, allestisce a casa de Gentili la personale “Rosso Scarlatto” inserita nei Parallel Events Manifesta 7. 2009 - 3° premio al concorso internazionale CEI in team architetto, artista, liturgista. Per le opere proposte riceve una menzione particolare della Giuria: “…notevole risulta il contributo iconografico, dove sapienza artistica e invenzione formale si affermano in una felice libertà compositiva”. 2010 – ospite a Trapani del Museo Diocesano per l’arte sacra contemporanea espone la personale “Tra terra e Cielo” e realizza grandi tele in situ. 2011 - realizza su commissione l’intervento artistico sugli arredi liturgici della cappella universitaria S.Margherita di Trento .
Alcune sue opere sono diventate copertina dei libri pubblicati dal regista Paolo Damosso: Romanzo d'Amore. Mario Borzaga (ed.S.Paolo, 2014), Adele. La Storia e la Vita (ed. Effetà,2016). 2019 - Realizza il setto absidale, la croce gloriosa e l'intervento artistico per il capitello della statua della Madonna nella chiesa di S.Caterina a Rovereto sulla Secchia (MO)